Donne, stress, lavoro e società

Donne, stress, lavoro e società, una vera e propria epidemia da affrontare immediatamente.

Nel mio studio mi trovo spesso ad avere a che fare con donne e uomini di successo: liberi professionisti/e, imprenditori/trici, etc.

Molto spesso devo riscontrare però che a parità di successo ottenuto, uomini e donne hanno vite private estremamente diverse.

Gli uomini di successo tendono ad essere tranquilli, soddisfatti e generalmente felici in famiglia, con i loro amici o mentre si dedicano ai loro Hobby.

Riscontro invece nelle donne, sempre più spesso, un’insoddisfazione di fondo che le affligge, difficoltà a, come dicono loro: “ spegnere il cervello “ dopo una giornata di lavoro, e a volte depressione e ansia ( ahimè sempre più di frequente ).

Dal momento che la cosa si ripete spesso non ho potuto fare a meno negli anni di pensare al perché di questa condizione, naturalmente, come sempre faccio, ho cercato di guardare al problema mettendolo sotto la lente dell’evoluzione, per dirla con Theodosius Dobzhansky :” Nothing in Biology Makes Sense except in the Light of Evolution “, inoltre ho sempre ben presente quello che una volta un amico medico africano mi disse: “ vedi Enrico, da dove vengo io la depressione non esiste, noi la chiamiamo la malattia dei bianchi “.

Le donne spesso dicono di essere lasciate sole, è vero, per un uomo è molto più facile agire in solitudine che per una donna, le donne si sono evolute per lavorare in gruppi dove si supportavano vicendevolmente, mentre gli uomini cacciavano spesso soli e a volte in gruppo ( la componente individualistica della caccia è assai rilevante ).

Le regole nel mondo lavorativo occidentale rispecchiano le necessità maschili, del resto possiamo affermare che ne derivino direttamente, dal momento che la struttura lavorativa nella nostra società è stata plasmata nei secoli dalla visione e dalle esigenze maschili ( sulla visione della donna nella nostra società consiglio anche questo articolo ).

Non dobbiamo dimenticare che la donna lavoratrice è qualcosa di molto recente che coincide con la rivoluzione femminista e le necessità consumistiche delle economie moderne.

Possiamo quindi affermare che le regole su cui sono basate le dinamiche lavorative nelle società occidentali siano di stampo androcentrico, aspettarsi che gli uomini le cambino ( noi ci stiamo benissimo in questa condizione, l’abbiama creata noi ), non è solo ingenuo, ma utopistico.

Le regole possono essere riviste solo se la volontà di cambiamento partirà dalle donne, un cambio che debba necessariamente tenere conto delle necessità biologiche dei due generi, che superficialmente potrebbero sembrare incompatibili, ma che se analizzate più attentamente sono invece complementari.

Come capire se quello che una donna fa non si adatta alla sua biologia in generale o alla sua personalità nello specifico?

Se non vi divertite, se vi sentite stressate, se diventate compulsive nei vostri comportamenti, se vi deprimete e non trovate un senso in quello che state facendo, vuol dire che, molto probabilmente, state andando contro natura, plausibile vero?

Una persona razionale a questo punto si fermerebbe un momento, realizzerebbe un bilancio di quello che sta facendo, analizzerebbe cosa servirebbe per continuare a farlo divertendosi ( magari molto più tempo perchè ci sono altre cose che vuole fare e che gli danno grande gioia ) e ripartirebbe agendo di conseguenza.
I tempi che ci diamo spesso sono diretta conseguenza delle pressioni che riceviamo da chi ci circonda.

Laurearsi in 5 anni, terminare l’università prima dei 30, comprare una casa ed un auto di un certo tipo, ritardare una gravidanza fino a quando non si raggiunge una “stabilità sociale”, sono tutte convenzioni ed in quanto tali passibili di una grade arbitrarietà.

Fare le cose divertendosi, vivere la nostra vita in accordo con le nostre aspettative, ma, ancora più importante, con i nostri tempi ( stress, agitazione, depressione, insonnia sono tutti indici di forzature della nostra natura ed in quanto tali non andrebbero mai negati ), è l’unico modo per evitare frustrazioni, rigetti e afflizioni.

In sostanza, quello che propongo alle mie lettrici, è una visione eudemonistica della vita in accordo con la nostra biologia.

Festa della donna

Ieri è stata la festa della donna, una giornata pare dedicata a risvegliare gli animi di uomini e donne ( si anche loro ) sulla condizione del cosiddetto “gentil sesso” nel mondo.

L’istituzione di una giornata per ricordarci che le donne sono esseri umani a me fa sorgere le seguenti domande:

– nel 2016 ancora le donne vengono considerate subordinate agli uomini, altrimenti non ci sarebbe bisogno di una giornata dedicata al loro genere.

– se ancora abbiamo bisogno di dedicare un giorno alle donne per sensibilizzare maschi e femmine ( soprattutto loro ) la battaglia è stata totalmente persa e c’è da chiedersi se sia stata persa per fattori culturali o biologici

– i figli sono educati principalmente dalle mamme, poi vengono la scuola, gli amici, la televisione e per ultimi i padri…mi chiedo, come mai figli educati dalle donne poi non le rispettino? ( fattori culturali o biologici? )

– dedicare un giorno alle donne implica che gli altri 364 giorni dell’anno siano per gli uomini ( festa dell’uomo tutto l’anno )

Buona giornata a tutti

Donne e diritti

E’ sempre interessante per me sapere come la pensate dopo la pubblicazione di un Post ed è per questo che oggi continuo con donne e diritti.

Il Post di Ieri sui fatti di Colonia ha ricevuto una cinquantina di commenti.

Una cosa che avevo già precedentemente notato in situazioni simili è emersa forte dal Post: il problema della violenza alle donne è cosa da maschi e interessa discuterne relativamente poco al genere femminile nonostante sia direttamente coinvolto nella cosa.

Ho quasi 6000 contatti attivi e circa almeno 600 persone che mi seguono giornalmente, almeno la metà sono di genere femminile, ma praticamente tutti i like ricevuti per il Post, così come i commenti sono di uomini e non di donne, quasi a voler rimarcare che la donna, in fondo, non è altro che una pertinenza maschile, una sua estensione a cui viene dato ( è sottolineo dato ) il diritto di circolare vestita in un certo modo, parlare e comportarsi in un altro, etc.

La stessa terminologia usata dai Mass Media sottolinea lo stesso concetto, spesso non si parla delle donne come semplice genere, ma delle NOSTRE DONNE ( pertinenza maschile ) e non di meno quando i terroristi dell’ISIS ( dall’altra parte della barricata propagandistica ) fanno i loro proclami deliranti si dice: “violenteremo le vostre madri, figlie e sorelle “, quasi a sottolinearne l’esclusiva proprietà maschile.

Le donne, in generale, sembrano accettare di buon grado questa subordinazione, delegano la loro difesa, non solo fisica, ma anche verbale al maschio, ritenendo probabilmente che, in fondo, coscientemente o incoscientemente, del loro benessere sia l’uomo a doversi fare carico e sia sempre l’uomo a dover decidere la qualità ed il limite dei loro comportamenti.

La storia stessa della femmina usata dalle tribù di raccoglitori e cacciatori come primaria merce di scambio deve in qualche modo aver influito a livello epigenetico/culturale su questa peculiare caratteristica del profilo psicologico femminile.

Cosa ne pensate? Ritenete quanto ho appena affermato fuori dalla realtà?

Mi piacerebbe sentire anche il gentil sesso a riguardo visto che privatamente mi inviano molti messaggi.

Buona domenica