Dieta e calorie

Esiste una reale associazione tra dieta e calorie?

Non è possibile pensare all’alimentazione seriamente se non in termini di impatto biochimico sui nostri organismi, ridurre tutto ad una semplice somma di calorie non ha alcun senso sotto il profilo metabolico.

Chiunque abbia una pratica costante nell’uso degli alimenti con la finalità del cambio della composizione corporea sa bene che 1000 Kcal prese da pasta non sono la stessa cosa di 1000 Kcal derivanti da carne o olio extravergine di oliva.

Già questo dovrebbe essere più che sufficiente a rimettere in discussione l’assioma delle calorie su cui si basano i protocolli di alimentazione per il dimagrimento o per la massa muscolare, se poi aggiungiamo che differenti flore batteriche intestinali possono cambiare completamente l’impatto degli alimenti sui nostri organismi ( emergono sempre più studi a riguardo ) e che una flora batterica di una persona sana se innestata in un obeso ( senza che questo modifichi le sue abitudini alimentari ) può farlo sensibilmente dimagrire, allora ci rendiamo conto di quanto le informazioni che ancora ci vendono le università e i Mass Media siano datate e inesatte ( ahhhh la scuola!!! ).

Ecco perché 5 anni fa decisi di sviluppare un nuovo e radicale approccio nel Bodybuilding all’aumento della massa muscolare mantenendo sotto stretto controllo l’accumulo di grasso sottocutaneo: La DIETA FASICA.

La Dieta Fasica è una tecnologia alimentare completamente nuova che tiene in attenta considerazione le risposte biochimico/ormonali indotte dagli alimenti in presenza di un’attività fisica volta all’aumento della massa muscolare.

Sempre più atleti e praticanti usano questa nuova tecnologia alimentare con incredibili risultati, sia nel Body Building Natural che in quello non Natural.

Per dirla con Francesco Bacone: ” sapere è potere “.

Non fatevi prendere in giro da chi non sa di cosa parla, la scienza dell’alimentazione, per essere veramente capita, necessita essere praticata.

In Internet potete trovare parecchi video e articoli introduttivi alla Dieta Fasica, uno abbastanza completo è quello a questo link

Dieta Fasica: una testimonianza

Mi sveglio la mattina con un messaggio come questo inviatomi da Marco Giunta e la giornata parte subito alla grande:

” Ciao Enrico! E’ un piacere poterti scrivere. Sono uno studente di scienze motorie e appassionato di Bodybuilding e nutrizione, infatti spero di poter condurre studi anche in quell’ambito, tra qualche anno. Mi alleno da poco ancora, quasi 5 anni, senza mai avere interrotto e ho sempre seguito una giusta alimentazione. L’anno scorso ho studiato il tuo libro sulla dieta fasica, quest’anno sto studiando anche il protocollo ibrido HD/ZT da te ideato! Pur avendo iniziato quest’anno, sono stato sempre affascinato dai metodi ad alta intensità e dalle teorie di Mike Mentzer, che in parte conoscevo. Ho trovato inoltre utilissimo il consiglio che dai sul tuo sito, ovvero: studiare le basi di biologia, biochimica e fisiologia prima di poter analizzare in modo critico tutti i metodi di allenamento/alimentazione esistenti. Ho preso questo consiglio alla lettera! Con la dieta fasica ho ottenuto dei risultati straordinari. L’anno scorso sono riuscito a guadagnare 11Kg di peso abbastanza puliti arrivando a pesare 91Kg (174cm di altezza). Quest’anno partito da 85Kg (bf circa 9-10%) il 1° di settembre, mi ritrovo adesso a pesare già 89.5Kg. Calcolo perfettamente tutti i grammi ogni giorno per sfruttare appieno l’efficacia dei picchi sia di proteine, sia di carboidrati, con il conseguente “stress” metabolico che vanno a creare sull’organismo. Quest’anno spero di raggiungere e superare i 95Kg a fine periodo di massa. Questi dati sono stupefacenti visto che i primi 3 anni il massimo che riuscivo a guadagnare in “massa” con una semplice ipercalorica erano 5-6Kg. La cosa ancora più bella è che ho iniziato la dieta fasica ipercalorica con sole 2700 e poi 2900Kcal, poichè venivo da una dieta ipocalorica di definizione di 2400kcal! Sicuramente ci vedremo, perchè spero di riuscire a seguire i tuoi corsi HITA nell’arco del prossimo anno! Scusa il disturbo e la lunghezza del mio messaggio, volevo testimoniare e farti ancora i complimenti. Buona serata, Marco “

Considerazioni sull’alimentazione

Alcune precisazioni se vogliamo parlare seriamente di alimentazione e uso degli alimenti:

1) gli alimenti per non creare problemi nel lungo periodo è necessario che siano specie specifici.
Sappiamo bene cosa succede se una mucca ( erbivora ) viene nutrita con farine a base di carne ( mucca pazza + alterazione dei rapporti di Omega 3 e 6 ) o un leone ( carnivoro ) con vegetali ( morte per cachessia ). Se l’uomo si è evoluto in natura, per effetto della proprietà transitiva ( non c’è bisogno di avere 6 lauree, ma basta far funzionare il cervello ), si comporterà nella stessa maniera

2) gli alimenti possono anche essere usati a scopo ricreativo, quindi mangiare cose non adatte alla nostra specie, ma dobbiamo essere ben consapevoli dei rischi a lungo termine di tali comportamenti

3) ci sono percentuali di grasso che se superate, anche se ad alcuni di voi piace essere sovrappeso ( naturalmente come volete apparire non sono fatti miei ), sono oggettivamente patologiche, non perché lo dica un nutrizionista come me o il primo medico di paese, ma perché la letteratura scientifica lo ha documentato all’infinito associando ad ogni Kg in più, oltre una certa soglia e con una determinata localizzazione, una maggiore probabilità di incorrere in malattie cardiovascolari

4) nessuno vuole obbligare a cambiare le abitutidi alimentari di nessun altro, la cosa importante, a mio parere, è rendere le persone consapevoli attraverso una corretta inforamzione, solo in questo modo possiamo parlare di libera scelta non condizionata da ignoranza

5) gli alimenti sono come farmaci, possono farci vivere bene e a lungo oppure trasformarci nella caricatura di un essere umano, la cosa importante è che la scelta sia consapevole

6) al di là delle chiacchiere esistono dei parametri ematici predittivi e oggettivi che ci dicono se un’alimentazione sia corretta o meno: Proteina C reattiva, acido urico, emoglobina glicata, omocisteina, colesterolo LDL e Trigliceridi, per chi sa leggere gli esami, ci dicono esattamente il grado di infiamazione a cui siamo sottoposti, così come la nostra probabile età biologica ( cosa assai diversa da quella cronologica ).
Per dirla con il grande genetista Theodosius Dobzhansky :

” Nulla in biologia ha senso se non lo si guarda alla luce dell’evoluzione”

Buon weekend a tutti

Calorie sotto il profilo metabolico

Mattinata memorabile.
Mentre ero in ufficio immerso nello sviluppo di un nuovo programma per la massa a base di Dieta Fasica e Protocollo Ibrido HD/ZT richiestomi da un mio vecchio cliente ho acceso la radio e mi sono sintonizzato su Radio 24 così da avere un sottofondo musicale.
Invece del sottofondo musicale stavano trasmettendo un programma sulla salute e si parlava di alimentazione.
Ero già pronto a cambiare stazione ( sono stanco dei soliti Porta a Porta ) quando presentano un Biochimico italiano docente all’università X ( scusate, ma non ricordo il cognome ) a cui fanno la solita domanda sulle calorie:

” è vero che bisogna mangiare meno calorie per dimagrire “.

La risposta è stata sconvolgente:

” le calorie non c’entrano nulla con il dimagrimento, la caloria è un’unità termica che poco ha a che vedere con le risposte ormonali indotte dagli alimenti nel nostro organismo “.

Vi suona famigliare?

Io sono 10 anni che lo dico e sostengo con i risultati che tutti voi conoscete ( letteralmente migliaia di persone ).
Come sempre la scienza ufficiale impiega un po’ prima di allinearsi, però alla fine ci arriva.

Per dirla con Arthur Schopenhauer:

” non è importante che una nuova teoria sia vera, questa prima di essere accettata passerà attraverso 3 processi:

1) la derisione

2) dopo la derisione faranno di tutto per smontarla

3) alla fine diranno, ma era scontato che fosse così ”

Come mi fa contento avere sempre ragione…