Dimagrire mangiando di più

Quante volte mi avete sentito dire che le calorie applicate agli organismi viventi non hanno alcun senso e non è un semplice calcolo aritmetico che ci farà dimagrire.

Bene, oggi voglio farvi partecipi di quanto avvenuto con un cliente negli ultimi mesi, è già successo altre volte, ma questa volta volevo raccontarvela.

Il cliente in questione è un uomo obeso di 42 anni: altezza175 cm, peso 120 Kg.

Il cliente in questione mi contatta perché non riesce a dimagrire, seppure a suo dire in dieta.

Incontro in studio e anamnesi della situazione:

– uomo di 42 anni obeso

– Latto/ovo vegetariano

– Persi 10 Kg negli ultimi 3 mesi, tuttavia nelle ultime settimane è sostanzialmente stabile

– Composizione dell’alimentazione: 70% Carbo ( frutta, verdura, grande uso di cereali ), 10% grassi ( olio extravergine di oliva, frutta secca e grassi saturi ), 20% proteine provenienti principalmente da legumi e formaggi

– Totale calorico giornaliero stimato 1400 Kcal

Mi pare subito chiaro che l’apporto calorico sia troppo basso e lo sia da troppo tempo, inoltre le percentuali dei nutrienti che compongono la sua dieta sono a mio parere estremamente sfavorevoli per una persona che evidenzia già una resistenza insulinica in atto ( circonferenza vita 130 cm ).

Gli dico che dobbiamo cambiare strutturalmente la sua dieta partendo dal rapporto dei nutrienti e seguendo con l’apporto calorico totale, il cliente è disposto ad inserire del pesce come fonte proteica ( ogni tanto già lo mangiava ), rimane perplesso invece quando gli dico che per resettare il suo metabolismo dovrò portarlo a circa 3000 Kcal/die facendogli mangiare molti grassi per almeno due settimane, nel frattempo sconsiglio di fare attività fisica.

Dopo due settimane mi chiama e mi dice che ha perso 3 Kg, mangia tantissimo e non ha più fame.

A voi lascio tirare le conclusioni su questo caso ( vi dico solo che non è il primo ).

Buon inizio settimana a tutti

Dieta e calorie

Esiste una reale associazione tra dieta e calorie?

Non è possibile pensare all’alimentazione seriamente se non in termini di impatto biochimico sui nostri organismi, ridurre tutto ad una semplice somma di calorie non ha alcun senso sotto il profilo metabolico.

Chiunque abbia una pratica costante nell’uso degli alimenti con la finalità del cambio della composizione corporea sa bene che 1000 Kcal prese da pasta non sono la stessa cosa di 1000 Kcal derivanti da carne o olio extravergine di oliva.

Già questo dovrebbe essere più che sufficiente a rimettere in discussione l’assioma delle calorie su cui si basano i protocolli di alimentazione per il dimagrimento o per la massa muscolare, se poi aggiungiamo che differenti flore batteriche intestinali possono cambiare completamente l’impatto degli alimenti sui nostri organismi ( emergono sempre più studi a riguardo ) e che una flora batterica di una persona sana se innestata in un obeso ( senza che questo modifichi le sue abitudini alimentari ) può farlo sensibilmente dimagrire, allora ci rendiamo conto di quanto le informazioni che ancora ci vendono le università e i Mass Media siano datate e inesatte ( ahhhh la scuola!!! ).

Ecco perché 5 anni fa decisi di sviluppare un nuovo e radicale approccio nel Bodybuilding all’aumento della massa muscolare mantenendo sotto stretto controllo l’accumulo di grasso sottocutaneo: La DIETA FASICA.

La Dieta Fasica è una tecnologia alimentare completamente nuova che tiene in attenta considerazione le risposte biochimico/ormonali indotte dagli alimenti in presenza di un’attività fisica volta all’aumento della massa muscolare.

Sempre più atleti e praticanti usano questa nuova tecnologia alimentare con incredibili risultati, sia nel Body Building Natural che in quello non Natural.

Per dirla con Francesco Bacone: ” sapere è potere “.

Non fatevi prendere in giro da chi non sa di cosa parla, la scienza dell’alimentazione, per essere veramente capita, necessita essere praticata.

In Internet potete trovare parecchi video e articoli introduttivi alla Dieta Fasica, uno abbastanza completo è quello a questo link

Calorie sotto il profilo metabolico

Mattinata memorabile.
Mentre ero in ufficio immerso nello sviluppo di un nuovo programma per la massa a base di Dieta Fasica e Protocollo Ibrido HD/ZT richiestomi da un mio vecchio cliente ho acceso la radio e mi sono sintonizzato su Radio 24 così da avere un sottofondo musicale.
Invece del sottofondo musicale stavano trasmettendo un programma sulla salute e si parlava di alimentazione.
Ero già pronto a cambiare stazione ( sono stanco dei soliti Porta a Porta ) quando presentano un Biochimico italiano docente all’università X ( scusate, ma non ricordo il cognome ) a cui fanno la solita domanda sulle calorie:

” è vero che bisogna mangiare meno calorie per dimagrire “.

La risposta è stata sconvolgente:

” le calorie non c’entrano nulla con il dimagrimento, la caloria è un’unità termica che poco ha a che vedere con le risposte ormonali indotte dagli alimenti nel nostro organismo “.

Vi suona famigliare?

Io sono 10 anni che lo dico e sostengo con i risultati che tutti voi conoscete ( letteralmente migliaia di persone ).
Come sempre la scienza ufficiale impiega un po’ prima di allinearsi, però alla fine ci arriva.

Per dirla con Arthur Schopenhauer:

” non è importante che una nuova teoria sia vera, questa prima di essere accettata passerà attraverso 3 processi:

1) la derisione

2) dopo la derisione faranno di tutto per smontarla

3) alla fine diranno, ma era scontato che fosse così ”

Come mi fa contento avere sempre ragione…

Calorie e dieta

Stamattina accendo la radio e sento il solito professore di turno che ancora parla di calorie e dieta come se 100 calorie derivanti da carne ( proteine ) fossero la stessa cosa di 100 calorie derivanti da pasta ( carboidrati ) o olio di oliva ( grassi ), pensare che in università si insegnino ancora queste cose mi fa gelare il sangue.

Evidentemente il signore in questione non si è mai sottoposto ad una dieta ( parlare delle cose in teoria semplifica la discussione, ma spesso non porta da nessuna parte ).

Chiunque di voi abbia fatto una dieta sa benissimo che mangiare 200 calorie di pane o 200 calorie di broccoli non è biochimicamente la stessa cosa, ergo, parlare di dieta e/o allenamento in termini calorici non è solo fuorviante, ma è un vero e proprio errore.

Tempo fa feci un Video-articolo sull’argomento che riprongo in questo Post come approfondimento a quanto appena affermato.
Buon ascolto a tutti.

Ricordo a tutti coloro che da tempo mi seguono che alla HITA ( High Intensity Training Academy ) ogni anno vengono realizzati corsi, seminari e Convention in chiave HIT ( Alta Intensità ) su allenamento e alimentazione nel Bodybuilding, è possibile dare un’occhiata ai programmi dei vari corsi aprendo la sezione “Corsi HITA” di questo sito. o contattandomi direttamente attraverso una Mail privata dalla sezione CONTATTI.