Volontà e Heavy Duty, mai mollare

Volontà e Heavy Duty, mai mollare

Oggi vi voglio presentare ed introdurre Luca Nicoli.

Luca mi contatta per la prima volta nel 2010, era uno dei tantissimi ragazzi che avevano sentito parlare dell’Heavy Duty di Mike Mentzer, era interessato ad approfondire questa tecnica di allenamento tramite i miei libri ed il conseguimento delle certificazioni di Personal Trainer in Alta Intensità che rilasciamo qui alla HITA ( High Intensity Training Academy ) ai nostri alunni.

Luca segue ogni mio corso, acquista ogni mio libro, si fa seguire personalmente da me, prova ogni alimentazione di definizione e/o massa ( partendo dalla Zona di Barry Sears fino alla mia Dieta Fasica per la massa ).

E’ determinato non solo a costruire un fisico da culturista, ma anche a diventare un esperto del settore.

Heavy Duty e la storia di successo di Luca Nicoli

Luca è di Cantù, ma si rende subito conto che l’Italia non potrà mai offrirgli quello a cui aspira, quindi mi chiede se secondo me andare a Toronto in Canada potrebbe essere per lui una buona opzione.

Io gli consiglio vivamente di partire, male che vada apprenderai a parlare un buon inglese gli dissi, ma ero sicuro che la sua determinazione lo avrebbe portato lontano.

Luca parte, trova un lavoro in un ristorante, cerca di ottenre la residenza che alla fine dopo più di un anno arriva, nel frattempo, dal momento che i corsi in Italia fatti con me non hanno valore legale in Canada inizia un percorso di certificazione con la scuola di Brian Johnston ( l’inventore dello Zone Training ), il maggior esponente HIT in Canada.

Una volta finito il corso inizia a lavorare come Personal Trainer esperto in Alta Intensità a Toronto, quello che inizialmente era solo un sogno diventa realtà, insieme al fisico Natural costruito con medie di non più di 5 ore di allenamento mensili ( solo ultimamente ha utilizzato un po’ più di volume in accordo con le nuove metodiche di Johnston ), alimentazioni strutturate ad hoc, pochissimi integratori e come sempre nessun tipo di attività aerobica di supporto.

Potete apprezzare i risultati di Luca nel prima ( luglio 2013 ) e dopo ( ottobre 2017 ) qui sotto.

Perchè ho reso pubblica questa storia?

Chi mi conosce sa che sono un uomo d’azione, non mi piace piangermi addosso e soprattutto non amo sentire chi continuamente si piange addosso.

Luca è il perfetto esempio di colui che invece di lamentarsi continuamente trova soluzioni, ci mette tutto il suo impegno ( un forte intento ) e letteralmente costruisce il presente a sua misura e consumo.

Luca non voleva sottostare alle regole e alle convenzioni, non voleva allenarsi in Alto Volume perchè dopo aver conosciuto l’Alta Intensità lo riteneva una perdita di tempo, non voleva mettersi su di un Tapis Roulant perchè semplicemente non serviva, non voleva andare all’università per apprendere l’inglese perchè non era la strada più rapida, non voleva lavorare in palestra a 5 Euro l’ora quando sapeva che altrove ne avrebbe guadagnati molti di più.

Luca è uscito dagli schemi, ha iniziato a costruire la sua vita in funzione delle sue passioni e degli obiettivi che voleva raggiungere senza aver paura di mettersi in gioco e, nel progetto, ha messo tutto se stesso con i risultati personali e fisici che potete apprezzare.

In conclusione, Luca non è un allieno, non partiva con un fisico possente, non aveva grandi risorse economiche, non parlava inglese, ma aveva un’idea chiara, un forte intento e soprattutto i cog…ni per fare quello che voleva fare, la strada di un uomo con tali principi, etica e morale non può che essere constellata che da grandi successi…, bravo Luca sei un esempio per tutti noi.

 

volontà e heavy duty
Volontà e Heavy Duty di Mike Mentzer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *