Ultracentenari e longevità

Ultracentenari e longevità

Stamattina volevo aggiornarvi su quanto emerge dalla ricerca su centenari e ultracentenari ( persone che hanno superato i 110 anni ) portata avanti negli ultimi 10 anni da varie organizzazioni scientifiche.

L’obiettivo della ricerca è trovare un comune denominatore da applicare allo stile di vita nella nostra specie così da ritardarne l’invecchiamento ed aumentarne la longevità mantenendoci in un buono stato di salute.

La brutta notizia è che esaminando i “super vecchi” residenti a differenti latitudini non si è stati in grado di trovare un minimo comune denominatore.
Ogni centenario o ultracentenario ha un suo stile di vita spesso molto differente da quello degli altri presi in esame.
Alcune linee generali però sono emerse:

– Restrizione calorica. Pare che chi vive a lungo non mangi molto. Il tipo di alimenti utilizzati invece risulta essere ininfluente sulla lunghezza della vita di queste persone ( vegetarianismo, paleodieta, Zona o cacio cavallo che sia… )

– Tutti bevono moderate quantità di Alcool e quando dico alcool non sto parlando del classico bicchiere di vino tanto caro al Bruno Vespa nazionale, per alcool si intendono anche i superalcolici, naturalmente in piccole quantità

– Soprattutto per gli ultracentenari ( ma anche per i centenari ) vivere in un ambiente dove ci si senta utili e produttivi è un elemento importante. Chi viene lasciato solo generalmente muore prima

– In alcuni Ultracentenari si è riscontrata una mutazione favorevole nel complesso I della catena di trasporto degli elettroni nel Mitocondrio che riduce dello 0,6% la produzione di radicali liberi ( sembra poco, ma una cellula può contenere da poche decine ad alcune migliaia di Mitocondri, se consideriamo il numero di cellule in un corpo umano: 100.000.000.000.000 e lo moltiplichiamo per i Mitocondri e poi per gli anni di vita diventa subito chiaro quanto questo 0,6% possa essere rilevante nei processi di invecchiamento )

Questi i dati, a voi tirare le conclusioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *