Scuola si, scuola no

Scuola si, scuola no

Ancora un articolo sulle malefatte della scuola pubblica, questa volta autobiografico.

Avevo 17 anni, frequentavo la quarta superiore dell’istituto tecnico commerciale Cesare Abba a Brescia e mi stavo preparando per la mia prima gara, i campionati regionali AICAP/WABBA dove tra l’altro mi piazzai secondo nella categoria Senior ed il mio professore di Informatica, dopo aver corretto un mio compito in classe e avermi dato 7 ( allora la scala dei voti andava da 0 a 10 ), alla consegna mi guardò e disse:” Vedi Dell’olio, tu potresti prendere facilmente 9 o 10, tuttavia ti distrai con lo sport.

Non hai ancora capito che il tuo futuro è questo e da adulto quello che apprenderai qui sarà quello che ti darà il pane che mangerai, mentre il resto è una mera perdita di tempo?”.

Tutti voi oggi sapete che se avessi dato ascolto a questo individuo, negando le mie passioni e abilità, oggi non sarei quello che sono e soprattutto non farei quello che faccio.

Ho condiviso questa mia esperienza con voi, come sempre, per darvi un motivo di riflessione.

Se a 17 anni non fossi stato convinto in quello che facevo ( divertendomi ) e avessi ascoltato i consigli di questo adulto non mi sarei mai realizzato come uomo nel settore che amavo, sarei forse finito in una banca come molti miei amici ( lavori rispettabilissimi ) o sarei diventato un analista/programmatore, ma non avrei mai seguito la strada della felicità, la strada della libertà mentale ed intellettuale, la strada che mi ha portato a realizzarmi come uomo e che a permesso a voi di conoscermi come tecnico.

In conclusione, la morale della storia è: “non ascoltare mai troppo gli altri, spesso pensano di fare il nostro bene, ma in realtà, non essendo noi, non si rendono conto che siamo diversi da loro e quindi unici”.

Ogni consiglio va sempre contestualizzato e preso con le “pinze”.

Seguite la vostra strada, i vostri sogni e lavorate con costanza per realizzare la vostra visione.

Tanto vi dovevo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *